Il Purgatorio

“Invoca l’anima più abbandonata del purgatorio” – Suor Erminia Brunetti




Suor Erminia Brunetti aveva una particolare devozione per le anime purganti. Un fatto straordinario le capitò mentre si trovava a Teramo per svolgervi la sua missione insieme con una consorella. Dovevano incontrare il vescovo, il quale avrebbe indicato loro il posto dove alloggiare; ma il vescovo era assente, perché ricoverato in ospedale. Mentre si aggiravano per la città non sapendo a chi rivolgersi , suor Erminia udì una voce che le diceva : “Vai in chiesa. Invoca l’anima più abbandonata del purgatorio, prega per lei ed essa ti dirà che cosa devi fare”.

Si diressero in duomo per fare la loro quotidiana ora di adorazione. Quando uscirono, una donna si avvicinò e domando loro: “Cercate alloggio?”. Suor Erminia pensò che si trattasse di una persona curiosa, e suggerì alla consorella di lasciar perdere e proseguire la strada. Ma quella donna la seguì dicendo: “Prima cercate l’aiuto di Dio e poi, quando ve lo manda, non ci credete!”. L’ascoltarono: “Andate dalla moglie di Peppino, quello che è stato per ventiquattro anni in America”, disse “durante la comunione, questa mattina, ha pregato il Padre celeste di mandarle qualcuno a casa, perché vuole fare delle opere buone. Il Signore ha stabilito che vi andiate voi”. Suor Erminia, intanto, cercava di toccarla, ma era come toccare l’aria. Poi quella donna disparve. Le due suore rimasero strabiliate, anche perché la donna non aveva indicato loro dove potevano incontrare la signora di Peppino. Suor Erminia disse alla consorella, che era rimasta silenziosa per tutto il tempo: “Domandiamo alla prima donna che incontriamo, se lei è la signora di Peppino. Al più penserà che siamo matte!”. Così fecero. Poco dopo videro una donna nel portone di un palazzo che parlava con un’altra affacciata alla finestra di fronte. Suor Erminia le domandò: Scusi, è lei la signora di Peppino?” . Quella si girò di scatto verso di loro: “si”, rispose, “chi vi manda?”. Suor Erminia soggiunse: “Ci manda una donna che noi non conosciamo. Siamo nuove di qui. Ci ha detto che questa mattina, nella comunione, ha chiesto al Signore di mandarle qualcuno a casa perché vuole fare delle opere buone. E il Signore ha stabilito che venissimo noi”. E lei: “Oh, Dio mio, è vero questa mattina ho proprio detto questo! Suore venite”. Le suore entrarono in casa ed ella offrì loro il caffè. Voleva sapere chi fosse quella donna che le aveva indirizzate, ma loro non sapevo dirlo. Mentre sorbivano il caffè, il loro sguardo cadde su una fotografia lì esposta: “E’ quella signora lì”, dissero, “che ci ha mandato!”. Si trattava della governante della signora, che era morta un anno prima, nel sanatorio di Teramo. la signora capì che davvero quelle suore erano mandate da Dio.

Sembrava proprio che il Signore esaudisse Suor Erminia sempre, specialmente quando pregava per le anime purganti.
Un altro fatto lo conferma.

Volendo pregare per un cognato che non riusciva a trovare lavoro, cominciò a fare una novena per l’anima del purgatorio più abbandonata. Nel frattempo, si trovava con una consorella in un paese per la missione alle famiglie e abitavano in una casa isolata, che era stata messa a loro disposizione per il periodo della loro permanenza apostolica. Una mattina, svegliandosi, le venne il dubbio circa i giorni della novena per quell’anima, e con la mente, le chiese di farle capire quanti ne mancavano ancora. Appena formulata la domanda, sentì quattro colpi decisi alla porta. Anche la consorella li sentì, ma non sapeva della richiesta di suor Erminia. Questa, allora, sempre con il pensiero, domandò se quei colpi fossero la risposta alla sua domanda. Sentirono un catenaccio cigolare e una vecchia porta aprirsi, poi videro avanzare una giovane donna dall’aspetto molto sofferente. Aveva un colore cereo, i capelli sciolti sulle spalle e il volto rivolto in alto. Le due suore furono prese da grande spavento. Suor Erminia provò a interrogarla con il pensiero ed essa rispose. Era morta dopo una festa da ballo: sudata, aveva preso freddo e una polmonite l’aveva portata alla tomba. La madre, non essendo credente, non aveva fatto celebrare per lei nemmeno una Messa. Nessuno mai aveva pregato per lei: Suor Erminia era stata la prima a farlo. Intanto la consorella, spaventata, cercava di fuggire dalla finestra, perché quella ragazza si era messo proprio davanti alla porta dove dovevano passare. Suor Erminia le disse: “ Se non ci lasci passare, non possiamo andare a messa a pregare per te”. Quella scomparve ed esse poterono scendere. Ma la ritrovarono in fondo alla scala e di nuovo furono prese da spavento. Non le voleva lasciare, perché temeva che la dimenticassero. Finalmente, tremanti come foglie, poterono uscire. Non raccontarono la cosa ad alcuno, ma la compagna di suor Erminia si era talmente spaventata che non volle più uscire con lei. Suor Erminia interpretò questo fatto come una conferma da parte di Dio: la preghiera e i sacrifici offerti per le anime purganti hanno grande valore.

Fonte: https://innamoratidimaria.wordpress.com/2019/10/03/invoca-lanima-piu-abbandonata-del-purgatorio-suor-erminia-brunetti-3/

Visite: 1522

TAGS: Suffragio