Il Purgatorio

Venuti dall'aldilà: San Clemente Hofbauer




Alle volte i beati vengono per invitare al cielo amici e devoti, per dar loro l'avviso di prepararsi all'ingresso alla patria, o per adempiere qualche promessa fatta in vita.
Nei processi di beatificazione e canonizzazione di san Clemente Hofbauer (morto nel 1820) si legge: «Zaccaria Werner, noto scrittore cattolico, era stato il capo dei persecutori che espulsero il Venerabile Servo di Dio e i suoi discepoli da Varsavia. Più tardi, a Roma, abbracciò la fede cattolica, e fu speciale grazia della Divina Provvidenza che questo avversario del Servo di Dio gli sia poi diventato discepolo, amico e devoto. Per più anni, fino alla morte del Venerabile Servo di Dio, si sottomise alla sua direzione come un bambino.
Era la prima domenica d'Avvento - come credo di sapere con certezza - quando (il Werner) cominciò la predica con queste parole che ancora tengo a memoria: "Non vivrò più a lungo; questo infatti mi disse il padre Hofbauer. Recitate le preghiere della sera, ero coricato a letto, quando d'improvviso la camera si illuminò di una luce chiara che superava la luce del sole. E nello splendore vidi il padre Hofbauer, amico e maestro mio. Aveva nelle sue mani un giglio, un ramo di olivo e la palma e mi parlò così: Zaccaria, vieni vieni, fra breve tempo vieni. Ciò detto sparve. Questa apparizione non è una fantasia. Non sognavo, ed è così certo che io ho veduto il padre Hofbauer come è certo che io vivo e che sono in chiesa alla presenza del mio Dio Eucaristico. Mi è rimasta ancora adesso una certa debolezza, e so di certo che fra poco morirò".
E come il Werner disse, così avvenne. Passate poche settimane, per quanto ora mi ricordo, dopo la festa dell'Epifania dell'anno 1823 (se non sbaglio) morì».
Fra i miracoli operati dal santo post obitum si narrano altre tre apparizioni del medesimo, una delle quali a un magistrato, ottima persona, ma per indole alienissimo e incredulo alle visioni.

Visite: 97

TAGS: