Il Purgatorio

Meditazioni sul Purgatorio del mese di novembre





15 NOVEMBRE. LE PENE DELL'INFERNO E QUELLE DEL PURGATORIO

E ancora S. Caterina da Genova che ce ne parla: «Ciò che costituisce la colpa è la volontà perversa dell'uomo contro la volontà di Dio. Finché persiste la cattiva volontà di peccare, persiste anche la colpa. Poiché i dannati sono passati da questa vita con l'attaccamento al peccato, la loro colpa resta e non hanno più la possibilità del perdono divino, essendo entrati nell'eternità con quella volontà malvagia. Passando nell'eternità, l'anima si fissa nel bene o nel male, secondo le disposizioni dell'ultimo istante. E' scritto infatti: come ti troverò, così ti giudicherò. I dannati, poiché si sono trovati con la volontà di peccato al momento della morte, restano nella colpa eternamente e conseguentemente anche nella pena. Alle Anime del Purgatorio resta invece solo la pena da scontare, mentre la colpa è stata loro rimessa da Dio, col pentimento sincero. Tale pena è anche destinata a finire, via via che la scontano nel Purgatorio. Oh, miseria sopra ogni altra! e tanto più deplorevole in quanto non è compresa dalla cecità umana! La pena dei dannati nell'Inferno è infinita nella durata, ma non nella intensità (anche se sempre più dolorosa di ogni pena del Purgatorio...), poiché la dolce bontà dì Dio non lascia di far giungere anche là un raggio della sua misericordia. L'uomo, morto nel peccato mortale, meriterebbe una pena infinita, sia nella durata che nell'intensità: la misericordia di Dio l'ha voluta infinita solo nel tempo e non nella intensità, come meriterebbe per sè lo stato di peccato che è rifiuto ostinato a Dio. Oh, quanto è pericoloso il peccato commesso con malizia! Perché l'uomo difficilmente se ne pente. E, non pentendosi, rimane nella colpa e questo stato continua fino a quando egli non detesta sinceramente il peccato, rimanendo nella volontà di commetterlo!». Ci può essere per l'uomo stoltezza più grande che rimandare all'ultimo momento la cosa più importante della sua esistenza terrena: la salvezza dell'anima? Chi può capire, capisca!

Preghiamo per i nostri cari Morti.

Fonte: Preghiere a Gesù e Maria