Il Purgatorio

Sarvato pe n'erore




Che è rimasto de na vita che era?
Na lastra de marmo e du fiori per tera.

So scomparso così, de improvviso
Manco er tempo de salutà er mi fijo, faje un soriso

E mò n’do me trovo? Dar freddo che fà deve da esse inverno
De certo nu’n è er paradiso, ma manco l’inferno.

So scampato all’inferno, in quarche modo me sò sarvato
Ma come po’ esse se nu’n ho mai pregato?

No, No No quarcosa nu' torna, devo parlà co qurcuno
Ma co chi? qua sto solo, nu’n c’è nesuno…

Quanno morì pora nonna er prete me disse: ora è in cielo che prega pe te”
Ma dove? E n’do stanno l’artri morti prima de me?

Solo adesso riesco a vede er disegno completo della mia vita
Me faccio schifo, ma come rimedià? Ormai è finita

Ho fatto quello che m’è parso… ho sempre rifiutato la fede
Ricercà quer Dio che nu se vede

Ma mo che sto quà me sento da cercallo
Ma me vergogno come un ladro, me piango addosso perché nu sò come fallo

In cielo come in tera io so stato lo sbajo der creatore
Sarvato pè n’errore der Signore…

Tutto passa , pure er tempo, che qua nu’n c’è
Ho scoperto che c’è artra gente ortre me

Se cercano, pregano insieme, pareno felici
Sembreno quasi esse amici.

Ogni tanto qurcuno me butta no sguardo e pare che me invita… ma me fa dolore
Abbasso la testa… : lasciateme sta, sto quà pe n’erore

Lasciateme tranquillo fino ar momento che me manneranno via
Nu vojo pensà che fine farà st’anima mia

Ve prego nu’n insistete!
Se vengo co voi magari quarcuno me vede.

Poi an ‘tratto tutti corono verso na signora, scesa dar cielo vestita d’amore
Dicheno che è Maria, la madre der Signore.

No questo è troppo, non merito st’onore
Solo a guardalla anche se so morto me pare de risentì batte er core

Lei soride, conforta l’anima ormai indifesa
Coraggio figli miei, la ricompensa vale l’attesa.

Appena girà lo sguardo verso de me scappo, me nisconno dal lato opposto
C’ho paura che guardandome me dica : questo non è il tuo posto

Ma la paura nu’n spezza l’incanto
Me sta vicina e nu’n sa manco quanto!

Sto sotto a n’arbero solo come un cane e penso:
Manco da morto sta vita mia c’ha un senso

Poi na donna me se presenta davanti e me prende pè un braccio
Penso: è finita, mo me diranno che fine faccio.

Quanto è bella. Oddio ma nu’n è che sete la Madonna?
“Tesoro mio nu’n so la Madonna. Ma che davero nu’n riconosci tu nonna?

Nu piagne amore mio
Viè qua che te ricconto quanto te ama Dio

Non stai quà pe no sbajo. Sai quante preghiere t’ho fatto da qua sù
Ho pregato così tanto che ho commosso er core de Gesù

Forse tu in vita tua non hai combattuto per Dio
Ma lui ha combattuto per te… come ho fatto io

Dai basta smetti de piagne, lo capisci che sto dolore
È la misericordia der Signore

Te vojo bene a nò, grazie. in quarche modo me devo riscattà
Viè qua, guarda de sotto, guarda quante anime pe' cui pregà

Che vergogna, pensà che tutto quello che ho fatto Dio lo vedeva
Me viè da ride, quanno lo vedrò che je dirò? So l’anima che se nascondeva?

C’ho messo un po’ ma ho capito
Questa è l’anticamera der Paradiso...

Ste due righe che ho scritto servono a poco
Anzi, perdona lo sfogo...

Ma se tante vorte passi dar campo santo e vedi na tomba vota, fermate e ricordate de me
Che de sicuro sto qua a pregà pe' te…

Fonte: http://cristianamente.weebly.com/poesie1.html

Visite: 94

TAGS: